IL SENZA GLUTINE E’ UN AFFARE DA DUECENTOMILIONI!

SENZA GLUTINE
SENZA GLUTINE

Senza glutine, un affare da duecentomilioni di euro

Sapevate che il giro d’affari che riguarda i prodotti industriali senza glutine nel nostro paese, si aggira intorno a
€ 200.000.000 ??  Lo scrivo in lettere così è più chiaro duecentomilioni di euro !!!

L’Osservatorio dell’Associazione Italiana Celiachia (AIC) ha condotto una indagine su circa 3.000 pazienti celiaci sul territorio italiano.

Questo studio ha preso in esame una spesa di dodici dei prodotti comunemente  e maggiormente usati  come pane, pasta, farina, merendine, prodotti surgelati, preparati per pizza, biscotti eccetera.
Beh è emerso che il sacchetto della spesa dei prodotti senza glutine costa circa 40/60 euro mentre lo stesso sacchetto della spesa in prodotti ‘normali’ non arriva a costarne 25 !!!

Lo studio continua dicendo che spesso i rimborsi previsti dal Servizio Sanitario Nazionale non riescono a coprire le necessità del paziente che quindi deve sborsare di tasca sua la differenza, calcolata in circa € 50.000.000.
Lo scrivo in lettere, come prima, secondo me si capisce meglio : cinquantamilioni di euro !!!

Ma non è tutto: questo studio rileva anche che il 60% dei pazienti ammette di non riuscire comunque a resistere ai cibi con glutine. Un paziente su due, degli intervistati, ammette di trasgredire pur essendo consapevole che ciò nuoce alla salute. ( da Celiachia Oggi N°9)

Non posso fare a meno di pensare che, nel paese della pasta del pane e della pizza questi alimenti abbiano generato veri e propri fenomeni di dipendenza e che su questa dipendenza varrebbe la pena di intervenire.

Un sostegno emozionale non farebbe male agli intolleranti al glutine ed ai celiaci.

Forse però l’industria non ne sarebbe felice.

Fortunatamente la natura mette a nostra disposizione numerosi alimenti naturalmente senza glutine a basso costo.

Su questi dovremmo focalizzare la nostra attenzione invece di finanziare l’industria dei surrogati di pane pasta & affini con il nostro disagio!!

Condividi:

2 Commenti

  1. bg

    Grazie Antonella, per questa informazione.
    Non ci avevo mai pensato ne’ fatto caso.In effetti, pensandoci bene, ho notato in questi anni un crescere di prodotti senza glutine tra gli scaffali delle farmacie, i negozi di alimenti bio e anche nei supermercati…e potrei essere una potenziale celiaca!
    bg

    Rispondi
    1. CucinareSuperFacile (Post autore)

      Ciao bg, non ci avevi mai fatto caso perchè non hai mai avuto bisogno di acquistare prodotti de glutinati!
      Se hai il sospetto di aver sviluppato una intolleranza al glutine, perchè non provi a eliminare dalla tua alimentazione pasta, pane, pizza & co. per almeno 30 giorni, prendendo nota dei cambiamenti che avvengono nel tuo organismo, nella tua digestione e nel tuo stato generale ?!?
      Potresti avere delle sosprese !!!
      Buon fine settimana,
      ciao

      Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *