SPAGHETTI DI MAIS, ALLA ‘CARO WILLY’.

spaghetti senza glutine alla 'caro Willy'

Spaghetti di mais,  senza glutine, alla ‘caro Willy’.
Oggi sono stata presa dal ricordo delle vacanze in barca a vela di tanti anni fa.
Girovagando per il Mediterraneo, saltellando tra un’isola e l’altra ho imparato dai pescatori a cucinare il pesce, ho scoperto verdure che non conoscevo, ho raccolto le more di gelso dagli alberi.
I sapori e i profumi evocano i ricordi come niente altro.
Nel mio caso oggi è avvenuto il contrario, quel ricordo ha evocato, prepotente, il sapore di certi spaghetti che preparavo a bordo e che il mio amico Willy mi aveva insegnato, tanto che li ho sempre chiamati ‘ spaghetti alla caro Willy’.

Ho deciso di restare con i miei ricordi e li ho preparati per pranzo!

Ho usato spaghetti di mais, senza glutine, ma il condimento, semplice, tutto crudo, veloce e profumatissimo era proprio come allora.
Ricordo che preparavo il condimento al mattino, dopo la colazione, ed era bello trovarlo pronto quando ci veniva fame, all’ora di pranzo.
Bisogna fare proprio così perché i sapori si devono amalgamare, devono familiarizzare per poi sprigionare tutto il profumo quando incontrano gli spaghetti fumanti, e poco importa se oggi sono senza glutine.

spaghetti senza glutine alla 'caro Willy'

spaghetti senza glutine alla ‘caro Willy’

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se vuoi provare gli spaghetti di mais alla ‘caro Willy’ fai così:

Taglia a pezzettini piccoli una manciata di pomodorini datterini o ciliegini o Pachino per ogni persona,mettili nella ciotola dove poi condirai gli spaghetti, aggiungi uno spicchio di aglio per persona schiacciato e sbucciato ma lasciato intero per poterlo togliere subito prima di servire, basilico fresco a volontà sminuzzato con le dita per mantenere tutto il profumo, una cucchiaiata di parmigiano grattugiato grosso o, se non mangi latticini, di lievito alimentare in scaglie, sale, pepe o peperoncino e un filo di olio extra vergine di oliva buono. Mescola bene il tutto, copri con pellicola trasparente e lascia a insaporire fuori dal frigorifero per alcune ore.
Quando cuoci gli spaghetti di mais, senza glutine, versali in abbondante acqua bollente salata, mescola bene e spesso per quattro o cinque minuti poi spegni il fuoco, copri la pentola e lasciali così ancora per tre o quattro minuti.
Assaggiali per controllare la cottura, scolali nel colapasta e tieni un pò dell’ acqua di cottura da parte.
Versali nella ciotola con il condimento e mescola velocemente, aggiungi un cucchiaio o due di acqua di cottura per aumentare la cremosità del piatto, togli gli spicchi di aglio e servi decorando con una foglia di basilico.

Imperativo accompagnare gli spaghetti di mais  alla ‘caro Willy’ con un calice di vino bianco fresco, asciutto e di gran carattere, una Vernaccia di Oristano per esempio.
Condividi questa ricetta con i tuoi amici!  Fai rivivere questi sapori semplici che parlano italiano.

Fai rivivere questi sapori semplisi che parlano italiano

Fai rivivere questi sapori semplisi che parlano italiano

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Short english translation:
Today the memory of my holidays on a sailboat, many years ago, was very strong.
It was nice to sail through the Mediterranean, skipping from an island to another.
I learned from a fisherman how to cook fish, I discovered vegetables never seen
before,  I picked up mulberries from the trees.
The flavors and aromas evoke memories like nothing else.
Today the opposite happened to me, I remembered the taste of some spaghetti
that I used to prepare on board and that my friend Willy teached to me,
For this reason I have always called them  ‘spaghetti dear Willy’.

I decided to have lunch with my memories and I prepared it for lunch!

I used  corn spaghetti, gluten free , but the seasoning, simple,raw, and fragrant
was just like back then.
I remember that I used to  prepare the dressing in the morning, after breakfast, and it was nice to find it ready when we got hungry at lunchtime.
The seasoning must be prepared in advance to mix the flavors.
It will give off all the familiar scent when meeting the hot spaghetti,and no matter if today  they are gluten free.

If you want to try the ‘spaghetti dear Willy’ follow these instructions:

Cut into small pieces a handful of cherry tomatoes for each person, then put them in the bowl where the spaghetti will be seasoned, add one clove of garlic per person crushed and peeled but left whole to be able to remove just before serving, fresh basil hand chopped, a spoonful of grated Parmesan (if you do not eat dairy products, use nutritional yeast flakes), salt, pepper or chili and two or three spoonful of extra virgin olive oil.
Mix everything well, cover with plastic wrap leave to flavor, out of the fridge, for a few hours.
When you cook corn spaghetti, gluten free, pour them in salted boiling water, mix well and often during four or five minutes, then turn off the heat, cover the pot and leave it for three or four minutes.
Taste it to check cooking, drain in the colander and keep a few spoonfu of cooking water aside.
Pour the spaghetti  in the bowl with the dressing and stir quickly, add a tablespoon or two of the cooking water to increase the creaminess of the dish, remove the garlic cloves and serve garnished with a basil leaf.

It is a good idea to match the ‘spaghetti dear Willy’ with a glass of white wine dry, cool and of great character, a Vernaccia di Oristano for example.
Share this recipe with your friends, to let relive these simple flavors that speak Italian.

Condividi:

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *