Tartare di zucca, un antipasto sorprendente

Zucca
Zucca

Tartare di zucca, un antipasto sorprendente

Tartare di zucca, un antipasto sorprendente

Tempo di feste, tempo quindi anche di pranzi e cenoni.
Penso che sia una buona idea proporre un antipasto crudo, che stimoli i succhi gastrici e apra piacevolmente a vivande
più impegnative per la digestione.

I miei amici Sara e Luigi si sono prestati di buon grado a fare da cavie per questo esperimento e li ringrazio per la disponibilità;
m sono sembrati soddisfatti e per nulla contrariati anche se non li avevo avvertiti e li ho coinvolti nell’esperimento a loro insaputa.

Tartare di zucca. Ingredienti per 4/6 persone:

zucca gialla butternut 400 g;
due grossi cespi indivia belga;
due cucchiaini succo limone;
un cucchiaino aceto di mele;
un cucchiaio colmo capperi al sale marino;
mezzo spicchio aglio privo del germoglio interno;
olio extra vergine di oliva;
pepe nero.

Per decorare: origano o maggiorana o menta ed erba cipollina.

Zucca

Tartare di zucca.
Preparazione.

Lava abbondantemente i capperi per liberarli del sale e spremili con carta da cucina.
Non usare capperi conservati in aceto, rovineresti la preparazione.

Riunisci nel frullatore il succo di limone, l’aceto, i capperi, l’aglio e due cucchiai di olio. Il sale non è necessario perchè i capperi sono molto saporiti. Aziona il frullatore per ottenere una emulsione.

Scegli un pezzo di zucca molto compatto e di taglio freschissimo; io ho usato la qualità butternut ma penso che anche altre
qualità vadano bene.

Con l’aiuto dell’accessorio tagliaverdure del robot da cucina o con una mandolina a mano, riduci la zucca in juliennes, come faresti con le carote per un’insalata.
Metti le juliennes di zucca in una ciotola e condisci con l’emulsione preparata.
Lascia marinare così la zucca per due ore.

Al momento di servire, versa la zucca in un colino per sgocciolarla perfettamente dalla marinata e assaggia per regolare il sale
se necessario.

Lava i cespi di indivia e asciugali con carta da cucina, stacca delicatamente le foglie più grandi e più belle per usarle come
una specie di barchette-contenitori.
Con un coltellino affilatissimo taglia via una sottile fettina dalla pancia delle foglie per dar loro stabilità.
Disponi le foglie di indivia sul vassoio di portata e riempile con le julienne di zucca marinata.
Decora con foglioline di origano o maggiorana o menta, a piacere e con erba cipollina per dare il tocco di sapore definitivo.
Condisci con pepe nero appena macinato e con un filo di eccellente olio extra vergine di oliva.

Questa tartare di zucca è un antipasto da mangiare con le mani, in modo informale e mette allegria al solo vederlo.

Zucca

Un antipasto da mangiare con le mani, in modo informale.

Short english translation:

Pumpkin tartare, a surprising surprise

Christmas time which means also important lunches and dinners.
I think it’s a good idea to propose a raw starter, which stimulates the gastric juices and nicely prepares to heavier foods.

My friends Sara and Luigi tested this experiment and I thank them for their availability.
They seemed to enjoy and appreciate even though I haven’t informed them in advance and involved them in the experiment without their knowledge.

Pumpkin tartare. Ingredients for 4/6 people:

butternut yellow pumpkin 400 g;
two large heads of Belgian endive;
two teaspoons lemon juice;
a teaspoon of apple vinegar;
a heaping tablespoon of capers preserved in sea salt;
half a garlic clove without its internal sprout;
extra virgin olive oil;
black pepper.

To decorate: fresh oregano or marjoram or mint and chives

Wash the capers in plenty of running water to eliminate the salt and squeeze them with kitchen paper. Do not use pickled capers, you would ruin the preparation.

Put lemon juice, vinegar, capers, garlic and two tablespoons of olive oil in the blender. Salt is not necessary because capers are very tasty. Blend to obtain an emulsion.

Choose a compact piece of pumpkin freshly cut; I used the quality butternut but I think that other qualities also go well.

With the help of the vegetable cutter of the food processor or with a hand-held mandolin, cut the pumpkin in juliennes,
as you would do with carrots for a salad.
Put the juliennes in a bowl and season them with the emulsion prepared. Leave to marinate for two hours.

Drain the pumpkin from the marinade with a strainer and taste to adjust the salt if necessary.

Wash the heads of endive and dry them with paper towels, gently remove the largest and most beautiful leaves to fill them.
With a sharp knife, cut away a thin slice from the convex part of the leaf to give it stability.
Just before serving arrange the endive leaves on the serving tray and fill them with the juliennes.
Decorate with fresh leaves of oregano or marjoram or mint, to taste and with chives to give the definite flavor..
Season with freshly ground black pepper and a a drizzle of excellent extra virgin olive oil.

This pumpkin tartare is a starter to eat with your hands, in an informal way.

Condividi:

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *