Le vostre richieste

barattoli miki ritaglio

C’è qualcosa in particolare che CucinareSuperFacile può fare per voi ?
Per aiutarvi a gestire la vostra vita senza glutine ?
Parlatene in questo spazio e mi farò in quattro per accontentarvi !

54 Commenti

  1. Claudio

    Ciao Antonella,

    dal mio orto ho avuto tante zucche e vorrei tentare di usarne un po’ per fare un dolce che vorrei semplice da realizzare e leggero per lo stomaco.

    Hai una ricetta da proporre?

    Grazie 🙂

    Rispondi
  2. CucinareSuperFacile (Post autore)

    Hola! Io farei così:
    taglia 400 gr di zucca a cubotti e passala in forno o in padella, senza alcun condimento per dieci o quindici minuti, sorvegliandola e girandola per farla asciugare.
    Mentre la zucca raffredda monta con una frusta 3 uova con 150 gr di zucchero di canna, aggiungi due cucchiai colmi di maizena, un pizzico di sale, la buccia grattugiata di un limone, il succo di mezzo limone (senza semi!)e un cucchiaio di polvere lievitante cremor di tartaro. Macina grossolanamente nel tritatutto 150gr di mandorle, uniscile al composto montato, macina anche la zucca ormai fredda ed unisci anche questa al composto. Versa il tutto in una tortiera di 24/26 cm di diametro ed inforna a forno già caldo 180/200° per 45/50 minuti. Se non temi lo zucchero bianco, prepara una glassa con mezzo bicchiere di succo di limone in cui fai sciogliere 3 o 4 cucchiai di zucchero a velo e pennellala sopra la torta tiepida.
    Servi tiepido o freddo. Secondo me è ancora più buona il giorno seguente.

    Rispondi
    1. Claudio

      Buongiorno Antonella,

      suggerisci di usare un cucchiaio di polvere lievitante cremor di tartaro invece del solito lievito in polvere in bustina. Confermi che non devo aggiungere bicarbonato di sodio?

      Grazie 🙂

      Rispondi
      1. CucinareSuperFacile (Post autore)

        In questo caso, non desideriamo l’effetto lievitante ma piuttosto l’effetto soffice e il cremor di tartaro e la maizena sono perfetti allo scopo!

        Rispondi
        1. Claudio

          Torta fatta!

          A me è piaciuta molto. La rifarò 🙂
          Ha proprietà digestive?

          Claudio 🙂

          Rispondi
          1. CucinareSuperFacile (Post autore)

            La glassa al limone è digestiva, senza glassa al limone non penso, in ogni caso certo non appesantisce! Felice che ti sia piaciuta !

  3. bg

    ciao Antonella,
    intanto grazie per la prima “prima colazione”…che normalmente io salto e mi trovo una voragine nello stomaco verso le 11 quando in genere cerco qualcosa di solido da ingerire…
    Seguendo la tua ricetta, mi sono chiesta:
    se non mi piace la banana, cosa potrei mangiare?
    dove compro l’olio o i semi di lino? o lo sciroppo di agave?
    grazie per il tuo consiglio
    bg

    Rispondi
  4. CucinareSuperFacile (Post autore)

    ciao bg e grazie per la tua attenzione, sono felice che la prima colazione ti interessi e sono certa che quando la proverai ne percepirai subito i benefici. Gli ingredienti che citi sono reperibili facilmente in qualsiasi negozio Bio. Lo sciroppo di acero e l’olio di semi di lino anche nei supermercati ben forniti. Quanto a sostituire la banana matura, penso che potrai semplicemente mescolare i semi di lino e le nocciole noci ecc macinate con gli altri ingredienti e se necessario per maggiore fluidità aggiungere un cucchiaio di acqua. Fammi sapere!

    Rispondi
    1. Alessandra

      Ciao Antonella, ho visionato il tuo mini corso. Proverò la colazione anche io assieme alle mie bimbe celiache .
      Ti saprò dire.
      Una curiosità : come affronteresti il problema della merenda a scuola? I giorni della settimana sono 6 e frutta più di una volta non è una buona soluzione dal punto di vista dei bambini!…

      Rispondi
  5. CucinareSuperFacile (Post autore)

    ciao Alessandra,
    a breve ti arriverà la ricetta di una torta senza farina che penso potrebbe costituire una valida alternativa…. mi hai dato un buono spunto, mumble mumble.. la merenda a scuola…. ci rifletterò sopra! Ciao e grazie per la tua attenzione,
    un abbraccio alle tue piccole

    Rispondi
  6. adele

    ciao Antonella, voglio parlare del tuo corso ad una cara amica che ha due figlie di cui una celiaca 🙂 intanto potresti darmi un suggerimento per fare le marmellate in casa? so che ci vuole lo zucchero e un preparato che si compra già pronto, ma esistono delle alternative?

    Rispondi
  7. CucinareSuperFacile (Post autore)

    Certo Adele, l’alternativa per una buona marmellata è la più semplice: solo frutta e zucchero in proporzioni variabili a seconda del tipo di frutta che impiegherai e del tuo gradimento allo zucchero. Per sostituire il preparato (che altro non è se non pectina) sarà sufficiente una mela a piccoli pezzetti (contiene pectina ) che scomparirà nella marmellata. Se vuoi schiarire il colore e/o aumentare il contrasto dolce acido qualche goccia di succo dilimone sarà perfetta. La durata della cottura dipende ovviamente dalla quantità oltre che dalla frutta che sceglierai, ma un buon sistema è quello di versare su un piattino freddo mezzo cucchiaino di marmellata calda e inclinare il piattino, se scorre come acqua non è ancora cotta, se scende lentamente è pronta e puoi invasarla bollente in vasi preriscaldati in acqua calda con tappo ermetico. una volta riempiti li rovescerai col tappo in basso appena chiusi (usa un canovaccio per non scottarti col vaso bollente ): si creerà un sottovuoto che preserverà la tua marmellata per molti mesi se non anni.
    Buon lavoro!!

    Rispondi
  8. Claudio

    Ciao Antonella,

    secondo te si possono fare canditi con la zucca?

    Grazie 🙂

    Rispondi
    1. CucinareSuperFacile (Post autore)

      In sicilia è tradizione fare la zuccata, in pratica si fa candire la buccia della zucca, si fa anche con quella del melone.
      Personalmente ritengo che il risultato non valga il procedimento che è piuttosto lungo e che ti racconto comunque:
      Pulisci e raschia bene la buccia della zucca priva della polpa.
      Tagliala in bastoncini e pesala, metti in acqua fredda i bastoncini.
      In una pentola di misura adatta più larga che alta, metti zucchero in peso uguale ai bastoncini, acqua in metà peso e il succo di un limone per ogni chilo di zucchero fai cuocere fino a che sarà ridotto della metà.
      Aggiungi i bastoncini e fai cuocere piano piano, mescolando ogni tanto finchè lo sciroppo di zucchero sarà completamente assorbito.
      Poichè richiede molto tempo, se dovessi interrompere la cottura per riprenderla nei giorni successivi ricorda di non coprire la pentola perchè la condensa ricadrebbe nello sciroppo diluendolo e finirebbe col non asciugarsi mai.
      Quando i bastoncini sono asciugati sul fuoco, trasferiscili su larghi vassoi e falli asciugare, in una stanza senza riscaldamento, girandoli due o tre volte.
      Dovranno risultare asciutti fuori e morbidi all’interno.
      Buon lavoro,

      Rispondi
      1. Claudio

        Grazie Antonella,

        pensavo di utilizzare la polpa, dato che ne ho molta.
        Da ciò che scrivi, deduco che non viene normalmente utilizzata.
        Inoltre, la lunghezza del procedimento che hai descritto mi fa ritenere che l’impresa non sia conveniente, almeno per me.
        Per ora mi accontento di essiccare la polpa di zucca, cosa che mi riesce abbastanza bene. Ottengo sia cubetti che striscioline perfettamente essiccate sui termosifoni, all’interno di appositi contenitori con retina metallica.
        Sto pensando di utilizzare le striscioline come fossero spaghetti, quindi affogandoli in un sugo e lasciandoli cuocere insieme per qualche minuto.
        Che ne dici?

        Rispondi
        1. CucinareSuperFacile (Post autore)

          Come puoi facilmente immaginare, la polpa si disferebbe in un procedimento così lungo.
          Non ho mai provato a utilizzare strisce di zucca essiccate, così a occhio mi piacerebbero di più reidratate in acqua e aceto e messe a marinare come se fossero state fritte prima.
          Visto che hai tanta materia prima fai tutte le prove che vuoi e raccontaci!
          Mi permetto di suggerirti di seminare meno zucche il prossimo anno !!!
          Buon lavoro e grazie per la tua attenzione,

          Rispondi
  9. Barbara Marchetti

    Ciao Antonella,
    io non sono celiaca ma soffro di gluten sensitivity che comporta comunque un regime di dieta senza glutine.
    Chi, come me, soffre di questa patologia ha di solito correlate anche tante altre intolleranze, quindi diventa davvero difficilissimo alimentarsi.
    Nel mio caso, tutto ciò che contiene lievito coloranti e conservanti mi fa stare molto male, quindi ti chiedo se puoi aiutarmi a trovare una ricetta per fare del pane o crackers o grissini con farine prive di glutine ma naturali e soprattutto senza dover utilizzare il lievito.
    Grazie tante!

    Rispondi
    1. CucinareSuperFacile (Post autore)

      Ciao Barbara, spero davvero di poterti essere utile. ti racconto come preparo i crackers per me. E’ un’idea di base che potrai adattare al tuo gusto, ma vedrai che sono già squisiti così e non ti faranno rimpiangere i crackers tradizionali.
      Per semplicità posto la ricetta tra le ricette così ho più spazio e posso aggiungere anche una foto, così vedi come si presentano.
      Mi viene in mente una cosa da chiederti: hai verificato se anche il cremore di tartaro e il bicarbonato ti danno fastidio? fammi sapere, potrebbero darci altre buone idee. In ogni caso raccontami se questi cracker ti piacciono e se li digerisci bene, sono molto energetici e saporiti!
      Ciao, spero davvero di poterti essere utile! Adesso vai a leggerti la ricetta alla categoria Ricette del sito

      Rispondi
  10. Marco Antonio

    Ciao Antonella! La tua super-colazione è strepitosa! Buonissima e sostanziosa. Grazie Mille!

    Rispondi
  11. Federica

    Ciao Antonella, gradirei sapere se anche per il grano saraceno si puo’ evitare l’effetto “colla” post cottura con il preammollo.
    Grazie infinite
    Federica

    Rispondi
  12. Federica.g

    Ciao Antonella, gradirei sapere se e’ possibile evitare l’effetto appicicoso del grano saraceno post cottura.
    Grazie infinite
    Federica

    Rispondi
  13. CucinareSuperFacile (Post autore)

    Ciao Federica, tutti i cereali e simil cereali, come appunto il grano saraceno, che grano in effetti non è, generano la fastidiosa mucillagine che chiamiamo, per semplificare, ‘colla’ e per tutti il procedimento è lo stesso:
    Ammollo in acqua e dopo risciaquo abbondante sotto acqua corrente per due o tre minuti, strofinando i chicchi tra le mani. Ti consiglio di lasciare il grano saraceno nel colino, dove lo hai scolato, e mettere il colino in un recipiente mentre lo strofini, con l’acqua che scorre piano piano, così non ti scapperà via
    nello scarico del lavello.Tra l’altro le mani ne escono bellissime!!
    Fammi sapere,
    ciao 😀

    Rispondi
    1. Federica

      Ciao Antonella ho seguito il tuo consiglio e devo dire risultato molto soddisfacente! Grazie
      Approfitto di questo spazio, se posso, per chiederti una cosa sulla tua supercolazione.
      Mi attira molto provarla ma il deterrente e’ il miele. Io non amo il dolce, esite una variante “salata” della supercolazione?
      Grazie in anticipo
      Federica

      Rispondi
  14. CucinareSuperFacile (Post autore)

    Domanda interessante Federica, grazie.
    Non mi dici se mangi la frutta ma spero proprio di si perchè a mio avviso non può esserci benessere senza la frutta.
    Il sale integrale è un toccasana, io amo molto quello rosa, fossile dell’Himalaya.
    Il pepe bianco, è un eccellente esaltatore dei sapori, appena macinato mi raccomando, non acquistarlo già macinato! Si trovano dappertutto dei flaconcini di spezie col tappo che macina, finalmente l’industria ha capito che le spezie già macinate perdono subito aroma, profumo e proprietà.
    Mantenendo integra la colazione così com’è nel filmato, le proprietà nutritive restano intatte e tu sostituisci al miele un pizzico di sale integrale e una macinata di pepe. Funziona sai!!
    E’ quello che faccio quando trovo ad esempio un melone poco saporito. Sorprendente, vedrai.
    Mi farai sapere??

    Rispondi
  15. CucinareSuperFacile (Post autore)

    Graziella Pasquinucci

    18:28 (31 minuti fa)

    a me
    cara Antonella ti sono grata di avermi offerto uno strumento di conoscenza e di svago straordinario, come i tuoi corsi on line. In questo periodo non ho molto tempo da dedicare alle mie intolleranze, allergie ecc ma i tuoi semplici suggerimenti mi stanno veramente aiutando. Continua a studiare e condividere con noi la tua gioiosa cucina. Con ammirazione Graziella

    ps, non sono molto tecnologica non so come metterlo su fb o sul tuo blog , se vuoi puoi farlo tu per me ?

    Rispondi
  16. pieranna

    ciao antonella
    ti chiedo qualche consiglio su come scegliere o trattare i cardi.A me piacciono ma in famiglia non li gradiscono perchè talvolta amari. le preparo e cuocio come hai detto e le scelgo in inverno quando fa freddo ma vorrei anche mettermi a riparo dal sapore forte. grazie

    Rispondi
    1. CucinareSuperFacile (Post autore)

      Ciao Pieranna, anche io come te adoro i cardi, ne ho parlato qui http://cucinaresuperfacile.com/?p=1810 credo che troverai tutte le informazioni che ti occorrono.
      Sono sicura che riuscirai ad far piacere i cardi anche ai tuoi:
      Mi farai sapere???
      Buon tutto,
      Antonella

      Rispondi
  17. Federica

    Buonasera Antonella,
    Ho provato la tua colazione ed effettivamente è buona….. Ma ho finito le banane e devo impegnarmi nella continuità per dirti se davvero può sostituire le due fette di pane che mangio di solito quando vado a lavorare …. Senza glutine ovviamente è fatto da me … Ti farò sapere. Grazie

    Rispondi
  18. Laura Moretti

    Ebbene sì, eccomi qua a prendere nota delle tue ricette. Portando sempre a mente che tutti i grandi viaggi cominciano da un primo solo passo, voglio fare del cibo un’esperienza per i miei sensi, e voglio imparare e respirare bene, ogni momento, anche pur se amaro.

    un abbraccio,
    ti darò notizia dopo aver sperimentato i tuoi piatti

    Laura

    Rispondi
    1. CucinareSuperFacile (Post autore)

      Mi piace l’energia che sento nelle tue parole, Laura,
      sono sicura che cucinerai con allegria e che quello che cucinerai ti piacerà.
      Aspetto i tuoi commenti,
      a presto,
      un abbraccio grande

      Rispondi
  19. francesca

    Ciao Antonella,
    grazie per il video sulla colazione proverò senz’altro. Un dubbio: semi di lino e olio di semi di lino: Dove trovarli che non siano contaminati da glutine? i semi in particolare: li controlli prima di utilizzarli o ci sono marche non contaminate? Il misto semi / frutta secca in frigorifero quanto dura? per un paio di giorni può andare bene?
    grazie!
    Francesca

    Rispondi
    1. CucinareSuperFacile (Post autore)

      Hai ragione!!! Bravissima Francesca!
      Temo di aver dimenticato di specificare che il misto di frutta e semi dura una settimana in frigo in barattolo chiuso.
      Per quanto riguarda i semi di lino e l’olio di semi di lino, io di solito acquisto nei negozi di articoli biologici e
      leggo bene le etichette. Laddove c’è rischio di contaminazione viene indicato.
      In ogni caso se vuoi essere sicura al 1000 percento consulta il prontuario dell’AIC.
      C’è anche una app per telefonini e puoi consultarlo anche quando sei in giro.
      Se hai l’accortezza di acquistare prodotti NATURALMENTE privi di glutine, in purezza, cioè non
      semilavorati, e leggi bene le etichette quando compri qualcosa di nuovo, il rischio è davvero bassissimissimo
      Un abbraccio e tanti sorrisi,
      A presto
      Antonella

      Rispondi
  20. francesca

    Grazie molte per le precisazioni. Oggi sono stata da naturasì e ho trovato semi di lino con dicitura ” può contenere tracce di sesamo e frutta a guscio”. Stessa dicitura su olio di lino e olio di girasole. Posso fidarmi? Olio senza diciture simili non ne ho trovate. ma nè su semi nè su olio citano il glutine. Di più non ho trovato purtroppo. In erboristeria poi, addirittura sfusi. E lì non mi fido. Tra l’altro..i semi di lino possono aiutare per la caduta di capelli e unghie fragili? Nonostante la dieta assolutamente stretta senza glutine, la situazione a tratti peggiora. Grazie davvero! Francesca

    Rispondi
    1. CucinareSuperFacile (Post autore)

      Sisisisi!!! E’ così Francesca! Olio e semi di lino sono perfetti per capelli e unghie, e anche la pelle se ne avvantaggerà!
      L’olio di lino ha un sapore pungente, usane solo poco per volta, sarà sufficiente.

      Stai tranquilla, l’apprensione e il timore di trovare tracce di glutine anche dove non è possibile,
      è dannosa per il tuo sistema corpo-mente.
      Affrancatene, allontanati il più possibile da qualunque prodotto industriale e non correrai rischi.
      La natura ci è amica.
      Ti ricordo che i consulenti dell’AIC considerano più che tollerabile negli alimenti la presenza
      di 30 parti per milione di glutine, anche per un organismo molto provato dalla celiachia.
      Stai serena e questa sarà già di partenza un’ottima terapia.

      Vedrai, cucineremo assieme cose squisite e di glutine riusciremo a non parlare proprio
      Un abbraccio e buonissima domenica.
      Antonella

      Rispondi
      1. CucinareSuperFacile (Post autore)

        Ottimismo! Svilupparlo, se non ti è naturale, è un’arte sottile e delicata,
        ma il successo arride agli audaci (e ai tenaci aggiungo io! )
        La transizione da un’alimentazione ‘qualsiasi’ ad una ‘consapevole’ e attenta al benessere
        (oltre che alle intolleranze) è una fase delicata che va gestita con attenzione.
        Da quasi un anno sto lavorando per preparare un laboratorio di cucina on line, proprio
        per sostenere chi intraprende, per scelta o per necessità, questo percorso,
        quindi resta sintonizzata con me!
        A volte, sai, è l’intolleranza stessa e la percezione, erronea, delle possibili limitazioni
        alimentari che inibisce l’ottimismo. Invece si tratta solo di resettare alcune abitudini,
        niente di difficile!
        Sei stata super coi tuoi figli e da adesso ti darò volentieri una mano a far sparire la verdura dalla
        tua vista, intanto guarda qui http://cucinaresuperfacile.com/?p=1057.
        Ti auguro una buonissima settimana,
        Affettuosissimevolissimevolmente,
        Antonella

        Rispondi
  21. francesca

    Ciao Antonella
    ho provato la colazione, anche se in versione “alternativa”: tre frutti frullati, due cucchiaini di mix semi di lino e frutta secca macinati, mezzo limone. Mi piace moltissimo. Però mi è sorto un dubbio: ho tritato finemente mezza tazza di frutta secca e una di semi di lino. Messo il risultato in un barattolo di vetro i frigorifero.Ne ho presi due cucchiaini tutte le mattine. Però su tutti i siti in cui si parla di semi di lino (li ho visitati non sapendone nulla e volendomi informare) ho letto che una volta macinati vanno consumati entro massimo 24 ore. Come mai? Grazie come sempre , francesca

    Rispondi
    1. CucinareSuperFacile (Post autore)

      Ciao Francesca,
      I semi di lino perdono rapidamente alcune delle loro proprietà
      se non li conservi correttamente ben chiusi in barattolo e riposti in frigo.
      Leggerai anche da qualche parte che vanno tostati e non consumati crudi,
      e certo molte altre cose.
      Nella rete c’è tutto e il contrario di tutto, ti esorto a usare il buon senso
      e il tuo discernimento!
      Il mio intento è quello di migliorare le abitudini alimentari senza stravolgere eccessivamente le abitudini quotidiane. Quindi per me, niente integralismi né sensazionalismi.
      Sono felice che la colazione, riveduta e corretta, ti piaccia, sono sicura che presto vedrai migliorare tono, pelle, unghie e capelli.
      Un abbraccio affettuoso,
      A presto,
      Antonella

      Rispondi
      1. CucinareSuperFacile (Post autore)

        Grazie, allora cercherò di prepararne 6 succhiaini, di frullarli e tenerli in frigorifero. così sono 3 dosi.
        giusto?
        se io preparo 2 cucchiaini di semini , li frullo, fanno una dose. Corretto? o due cucchiaini di semi di lino sono troppi?

        Per la frutta secca, invece, io metto di solito, tutte le mattine, una noce, un paio di mandorle e due nocciole. poi varierò con pistacchi presi oggi.

        Può andare?
        Ci credi che non vedo l’ora di fare colazione dopo anni di thè e biscotti tristi?
        una gioia per gli occhi e per il palato. farei colazione a tutte le ore. MIo marito, dopo anni che non mi vede mangiare frutta e verdura, non crede ai suoi occhi!

        domani aggiungo la banana.
        Banana più due o tre frutti.
        Che bontà..non vedo l’ora!

        grazie ancora
        baci
        f
        Il giorno 07/set/2014, alle ore 09.01, antonella michelotti ha scritto:

        Stai andando davvero alla grande Francesca!
        Sono super felice di esserti stata utile!
        Come fare colazione assieme la mattina no??
        Un abbraccio
        Antonella

        Rispondi
    2. CucinareSuperFacile (Post autore)

      domande e risposte con francesca:
      Ciao Antonella, approfitto ancora: abbi pazienza, mi si apre un mondo nuovo.
      Vorrei provare a fare, e proporre ai bambini, la quinoa al posto della pasta e del riso. (ogni tanto intendo).
      Che dosi secondo te per quattro? quanta quinoa in quanta acqua? Cuoce come il riso (cioè assorbe tutta l’acqua o devo scolarla?)

      Come proprietà nutritive, com’è? calorica? utile alla salute?
      che proprietà ha?
      beata ignoranza.
      Prossimo capitolo: il miglio e l’amaranto.
      Sopportami!

      un abbraccio
      francesca
      Ottima Idea Francesca, ottimissima!!
      ti metto qui in paio di link, credo che troverai risposte alle tue domande,
      http://cucinaresuperfacile.com/?p=709
      http://cucinaresuperfacile.com/?p=1545

      Miglio ed amaranto non si discostano di molto da queste informazioni/indicazioni ma,
      giustamente, un passo alla volta, ce ne occuperemo quando avrai preso padronanza
      con la quinoa.
      Un abbraccio, buona settimana,
      Antonella

      Rispondi
  22. Francesca

    Ciao Antonella,
    Scoprire il tuo sito è stato per me un grande piacere e ricevere il tuo video un bellissimo regalo, pertanto ti ringrazio moltissimo.
    Purtroppo oltre ad avere sensibilità al glutine ho intolleranza al lattosio e al sorbitolo ciò comporta per me l’esclusione della frutta dalla mia alimentazione perché mi crea parecchi problemi intestinali:), tendenzialmente sono sensibile agli zuccheri e agli amidi.
    Risulto intollerante anche alle patate (tollero un po’ quelle americane) al mais e tanti altri e diversi alimenti che se vorrai ti elenchero’ con precisione, puoi immaginare come mi sento:(
    La colazione è ormai 3 mesi che non la faccio,non posso utilizzare neppure caffè e the,mi faccio una camomilla ma è davvero deprimente, ho provato con la farinata di ceci, ma mi da acidità di stomaco, con la frutta secca ma ho fame Dio buono!:)) Ho provato anche con l’uovo ma prenderlo tutti i giorni mi sembra esagerato…insomma un disastro! Se davvero ti viene in mente qualche soluzione? Ma non voglio metterti in croce;). Io amo cucinare sto provando ad inventarmi di tutto, sto utilizzando alimenti che prima non avrei mai provato e ciò da un lato mi piace perché provo nuove emozioni ma mi manca da morire la pasta, il pane, la pizza, i culurgiones:), lo yogurt con la frutta:) che pensavo tanto sano!?
    Pertanto carissima Antonella sono felicissima di averti incontrata, perché mi aiuti tanto in questo tortuoso percorso!
    Spero tu venga qualche volta in Sardegna perché mi piacerebbe moltissimo conoscerti di persona e magari fare un corso di cucina con te:)
    Un caro saluto
    Francesca

    Rispondi
    1. CucinareSuperFacile (Post autore)

      Francesca carissima,
      in effetti le tue intolleranze sono numerose ma riusciremo a dribblarle con successo!
      Mi chiedo se hai già dato un’occhiata qui http://cucinaresuperfacile.com/?p=2930, è la mia prima colazione in questo momento. Il latte d’oro preparato con latte di mandorle
      o latte di riso e dolcificato con zucchero integrale o miele (semaforo verde o rosso ?) è una deliziosa e benefica bevanda calda che oltre a essere squisita lubrifica le tue articolazioni.
      Se ti piace il cioccolato prova questo http://cucinaresuperfacile.com/?p=1851
      Fai qualche prova e fammi sapere.
      Ciò premesso, ti ricordo che una buona metà del mondo, quella orientale, si gode riso e verdure per prima colazione.
      Ogni tanto puoi prepararti i craker di semi http://cucinaresuperfacile.com/?p=2930
      oppure procurarti delle gallette di riso soffiato o di grano saraceno o miglio, nei negozi
      di alimenti biologici la scelta è ampia e puoi trovare parecchio anche on line.
      Sui cracker o sulle gallette, spalma tahini, (burro di sesamo), o burro di arachidi o
      crema di mandorle o nocciole con o senza miele, forse così anche un velo di marmellata
      fatta in casa è proponibile.
      Vedrai aggiustando il tiro dribbleremo le intolleranze e la tavola riprenderà ad essere
      un piacere!
      Noi italiani siamo totalmente dipendenti, come hai osservato su di te, da Pane, Pasta Pizza &Co.
      ma credimi se ti dico che in poche settimane, se saprai essere disciplinata e non cadere
      in tentazione, la dipendenza si affievolirà fino a sparire. Ci sono passata e lo so bene! 😉
      Ho in caldo una sorpresa: uscirà tra pochissimi giorni un intero corso di benessere e cucina
      senza glutine e senza proteine del latte con un sacco di buone idee di benessere a costo zero
      e moltissime foto-ricette dove potremo cucinare insieme passo dopo passo molti piatti nuovi e sani.
      Stai sintonizzata e non perdertelo!
      Dammi presto notizie, fammi sapere come va,
      Un abbraccio mia cara, a presto
      Antonella

      Rispondi
      1. CucinareSuperFacile (Post autore)

        Carissima Francesca,
        E’ vero che le graminacee contengono glutine, ma evidentemente
        in misure e percentuali differenti perchè alcuni celiaci le tollerano benissimo, non risentono assolutamente del loro consumo e la concausa non è del tutto chiarita.
        Il tuo caso è, come sappiamo, un pò speciale ma vedo che sei ben agguerrita ed hai moltissime frecce al tuo arco perchè hai trovato da sola
        la possibile soluzione: lo zucchero di barbabietola. Non demonizzarti se sceglierai di consumarlo raffinato e non integrale, per motivi di costo e reperibilità, lo slalom tra le intolleranze deve fare i conti con alcuni compromessi.
        Mi complimento con te per la tenacia e sono lusingata di avere la tua
        attenzione.
        Un abbraccio luminoso.
        Antonella

        Rispondi
  23. emilia ferretti

    E’ possibile avere informazioni di come fare un passato di carote tipo potage…..inoltre avrei piacere di assaggiare di nuovo il fantastico caffè speziato. Grazie emilia

    Rispondi
    1. CucinareSuperFacile (Post autore)

      Grazie mille della tua richiesta Emilia,
      A brevissimo pubblicherò una favolosa ricetta di crema di carote
      e la dedicherò a te!
      Un abbraccio affettuoso
      Antonella

      Rispondi
  24. Laura

    Ciao Antonella,
    dopo tanto peregrinare fra siti di tutti i tipi, quando sono arrivata al tuo, mi è sembrato un’oasi di pace. Ho trovato qui la sintesi di tutto quello in cui ho sempre creduto: ingredienti semplici e naturali, cotture leggere, un po’ di crudismo senza strafare e…mi sono subito messa a cucinare!
    Ho scaricato la foto-ricetta della focaccia all’olio ed ha avuto un grande successo! È veramente buona, mio figlio (12 anni) se ne è mangiata mezza a merenda e mi ha giá chiesto quando la rifaró. Sicuramente diventerá la base di ottimi panini per la scuola a cui da parecchio abbiamo rinuciato vista la spiccata sensibilitá che entrambi i miei figli hanno per il glutine.
    Grazie di cuore per la passione!
    Laura

    Rispondi
    1. CucinareSuperFacile (Post autore)

      Laura! Mi scrivi dalla Nuova Zelanda! Che felicità!
      CucinareSuperFacile in Nuova Zelanda! che meraviglia!
      Questi sono i regali della rete!
      Desidero assolutamente che la mia cucina arrivi dappertutto, infatti sto
      traducendo anche i ‘Laboratori di benessere e cucina senza glutine’ in inglese,
      proprio per questo motivo. Nel corso di questo 2016 mi impegnerò a trovare
      un distributore per i paese anglofoni, che si occupi anche del marketing.

      Grazie del tuo feedback sulla focaccia all’olio di oliva, in effetti è squisita
      e perfetta per accompagnare nella transizione.
      Ti confesso che io ormai la faccio solo quando ho ospiti
      perché il bisogno del pane sul tavolo è praticamente sparito!

      Un abbraccio affettuosissimo dal vecchio continente,
      Antonella

      Rispondi
  25. Maria Luisa

    Ciao Antonella,
    quando sono in vacanza mi piace degustare i piatti tradizionali del luogo.
    Questa settimana mi sono imbattuta sul Web nella ricetta della ‘Scarpaccia Viareggina’.
    Sono stata diverse volte in vacanza dalle parti di Viareggio ma non sapevo dell’esistenza.
    Trovo sempre geniale preparare dei dolci utilizzando le verdure ma anche questa ricetta prevede l’uso della classica farina.
    Ci racconti qualcosa di questo dolce tipico della tua zona, e magari come poterlo rielaborare ?
    Grazie ancora per gli ottimi consigli e per condividere con noi tutta la tua esperienza.

    Un caro saluto
    Maria Luisa

    Rispondi
    1. CucinareSuperFacile (Post autore)

      Cara Maria Luisa,
      La ricetta che mi hai chiesto uscirà domani 4 Ottobre, con foto e procedimento.
      Spero che ti piacerà, che la proverai prima che le zucchine ‘giuste’ finiscano,
      e che mi farai sapere com’è andata.
      Un abbraccio e grazie di esser stata di ispirazione
      Antonella

      Rispondi
  26. Paola

    Cara Antonella,
    mi è venuta voglia di cucina cinese, e in particolar modo degli involtini primavera, hai qualche idea su come preparare una pasta sfoglia di riso bella leggera e sottile?
    Grazie 🙂

    Rispondi
    1. CucinareSuperFacile (Post autore)

      Mi dispiace davvero Paola,
      non so nulla di cucina cinese
      Sono sicura però che in rete troverai moltissime ricette
      con cui fare esperimenti.
      Un abbraccio,
      Antonella

      Rispondi
  27. mara mencarelli

    hi, sono davvero davvero felice di aver trovato “luogo” che mi aiuterà, ne sono certa, a migliorare la qualità della mia scelta vegan gluten free. Sono stata per moltissimi anni una cuoca, mamma, attenta, ma non fissata, verso una cucina equilibrata con tanta verdura e legumi, ho sempre creduto che l’amore per gli altri passasse anche attraverso il cibo che riuscivo a preparare per loro. Ora, in parte, vedo i frutti del mio comportamento : i miei figli sono diventati vegani e vegetariani e alla mia tavola molto spesso siedono amici diventati intolleranti al glutine e ai latticini. Così, piano piano, per amore e per amicizia, mi sto educando all’uso di tutto ciò che può essere giusto per chi siede alla mia tavola.
    Sono certa di poter trovare in questo spazio molto che potrà servire a portare piacevolezza alle mie ricette. Grazie

    Rispondi
    1. CucinareSuperFacile (Post autore)

      Che meraviglia Mara!
      sono felice anche solo all’idea di poterti essere di ispirazione
      e aiuto.
      Ti auguro il meglio
      Buona vita,
      Antonella

      Rispondi
  28. Monica

    Non sono nè celica né intollerante al glutine ma ho spesso un ospite celiaco e mi fa piacere preparare qualcosa di sfizioso che non richieda l’utilizzo di “preparati” che comunque ogni tanto utilizzo senza il coraggio di leggere gli ingredienti.
    Al più presto proverò la focaccia della foto-ricetta, pensavo però di ridurre la quantità di lievito ed aumentare i tempi di lievitazione, a me non piace molto sentire il lievito (per me uso la pasta madre e tempi di livitazione molto lunghi).
    Grazie infinite, continuerò a seguirti con piacere

    Rispondi
    1. CucinareSuperFacile (Post autore)

      Sono lieta di fornirti spunti interessanti.
      Come hai notato questo tipo di cucina è piacevole, sana e varia
      e va bene per tutti, non solo per chi ha problemi con il glutine.

      Come ho spiegato in questo articolo il frumento ha subito modifiche
      tali da rendere pane, pasta, pizza & C alimenti da assumere con
      estrema parsimonia, se non da evitare, ti esorto a leggerlo se ancora
      non lo hai fatto.

      Buona estate e buona vita
      Antonella

      Rispondi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *