Digestione difficile? Il canarino, rimedio delle nonne.

...Con un pelapatate o un coltellino
affilato preleva qualche strisciolina di scorza, solo la parte gialla...
Digestione difficile? Il canarino è il vecchio rimedio delle nonne.

Digestione difficile?
Il canarino è il vecchio rimedio delle nonne.

La digestione difficile è un disagio che affligge molti di noi.

Ti riconosci in questo disagio???

Naturalmente è possibile che la digestione difficile dipenda dalla tua alimentazione se è troppo ricca o troppo grassa.

Però se leggi queste pagine molto probabilmente sei attento a cosa mangi.

E allora?

Una digestione difficile può essere causata dalla fretta con cui ‘ingolli’ qualcosa, senza godertelo, senza attenzione per il cibo, magari leggendo pessime notizie sul giornale o pensando già a cosa hai da fare più tardi.

Oppure consumi un bel pasto abbondante e ti rimetti subito al tavolo da lavoro.

Ti riconosci in questo quadretto??

Quando la tua digestione è difficile, e il tuo apparato digestivo si inceppa per uno di questi semplici motivi, spesso sono proprio queste le cause di una digestione lenta e problematica, finisce che fai ricorso alle comuni polverine effervescenti a qualche liquore o, peggio, a qualche bibita super gassata, nella speranza di trovare sollievo.

L’uso abituale di questi escamotage, e per abituale intendo due tre volte per settimana, tutte le settimane, rischia di alterare seriamente l’equilibrio del tuo apparato digerente.

Il mio consiglio è quello di affidarti al digestivo più antico del mondo, quello che
le nostre nonne conoscevano così bene e che, a mio parere, è straordinariamente
efficace: il canarino.

Il prezioso olio essenziale di limone è una vera mano santa per la digestione difficile e non c’è alcun rischio di intaccare l’apparato digerente.

Solitamente il sollievo arriva in breve tempo e, oltretutto, è una bevanda deliziosa, molto più adatta di qualsiasi altra cosa a un organismo affetto da digestione difficile.

L’ideale per preparare il canarino sarebbe poter disporre di un limone di giardino, non trattato, se questo non è possibile lava il limone molto bene con acqua calda e, con un pelapatate o un coltellino affilato preleva qualche strisciolina di scorza, solo la parte gialla, mi raccomando.
Fai bollire la scorza, in un paio di tazze di acqua per un paio di minuti.

...Con un pelapatate o un coltellino affilato preleva qualche strisciolina di scorza, solo la parte gialla...

…Con un pelapatate o un coltellino
affilato preleva qualche strisciolina di scorza, solo la parte gialla…

Anche solo il profumo inizierà ad alleviare il tuo disagio, spremi qualche goccia di succo nell’acqua calda profumata di limone, se vuoi dolcifica con miele. succo di agave o zucchero di canna e sorseggia il tuo canarino bollente, lentamente.

Giorgio Armani, che frequentava il mio ristorante di Pantelleria trent’anni fa, concludeva
volentieri i suoi pasti con questa bevanda preferendola al caffè.

Ricordo un’aneddoto divertente: una ragazzina giovane giovane che serviva ai tavoli da pochi giorni, emozionata dalla presenza di una persona così famosa, alla richiesta di un ‘canarino‘ rispose balbettando “Non ci sono canarini nel menu oggi, ma mi lasci chiedere ad Antonella….”. Immaginati le risate!

Fammi sapere come migliora la tua digestione difficile  con questa nuova perla di saggezza delle nonne, aspetto il tuo feedback.

Short english translation:

The poor digestion is a malaise that afflicts many of us.

Do you recognize yourself in this malaise??

Of course it is possible that poor digestion depends on your diet if it is too rich or too oily.

But if you read these pages, you are probably very careful about what you eat.

So what?

A poor digestion can be caused by the haste with which you eat something,
not enjoying it, without any attention to the food, probably while reading bad
news on newspaper or already thinking about what you have to do later.
Or you have a nice meal and immediately after you take place again at the worktable.

Do you recognize yourself in this picture?

When your digestion is difficult, and your digestive system gets jammed by one
of these simple reasons, often these are the causes of a slow and problematic
digestion, very often you try with the most common effervescent powders with
some liquor or with a few super-carbonated drink, hoping to find a relief.

The habitual use of these tricks, where usual means two or three times per week, every week, risks to seriously alter the balance of your digestive system.

My advice is to rely on the oldest digestive in the world, what our grandmothers
knew so well and which, in my opinion, is extraordinarily effective: the canary.

The precious essential oil of lemon is a real godsend for the poor digestion
and there is no risk of damaging the digestive system.

Usually the relief comes in a short time and, moreover, it is a delicious drink,
much more suitable than anything else in an organism suffering from poor digestion.

The ideal would be to have a fresh lemon from the garden, untreated, if this is not possible you can wash the lemon well with hot water and, with a peeler or a sharp boxcutter, pick up some strip of peel, the yellow part only.
Boil the peel in a couple of cups of water for a couple of minutes.

Even just the smell will begin to relieve your discomfort, squeeze a few drops of juice in the hot water scented with lemon, sweeten if you want with honey, juice of agave or brown sugar and sip your canary very hot, slowly.

Giorgio Armani, who attended my restaurant of Pantelleria thirty years ago, concluded willingly his meals with this drink in preference to coffee.
I tell you a fun story happened at that time: a young girl who served at the tables only since a few days, excited by the presence of such a famous person, to the request of a ‘canary’ stammered “There are no canaries in the menu today, but let me ask to Antonella…. “. Can you imagine the laughs!

Let me know how this new pearl of wisdom coming from our grandmothers improves your digestion.
I am looking for your feedback.

Condividi:

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *