La dispensa di cucina
La dispensa di cucina

La dispensa in cucina, trucchetti di economia domestica.

Molti anni fa, soprattutto se eri una femminuccia e andavi a scuola dalle suore, si studiava ‘Economia domestica’.
Si imparava come fare le pulizie correttamente, come attaccare un bottone e cucire un’asola, come fare un orlo a giorno
o ricamare a punto gigliuccio, ma si imparavano anche trucchetti efficaci ancora oggi per la gestione della casa e della dispensa di cucina.

In teoria, la dispensa ideale sarebbe una stanza orientata a Nord, naturalmente fresca e aereata. Ovviamente ciò è un’utopia per la maggior parte di noi, soprattutto per chi abita in appartamento. La dispensa è ridotta ormai solo a un armadietto o a uno dei pensili e al frigo, tuttavia anche con così poco spazio a disposizione si può fare molto, basta un po’ di organizzazione.

Non ti racconterò cos’ho imparato dalle suore, ti racconterò invece cosa mi è stato utile per organizzare la dispensa di cucina della mia casa col supporto dell’esperienza quasi trentennale della dispensa dei miei ristoranti.

  • Per cominciare, ci sono prodotti che non devono mancare e che vanno riassortiti, per esempio: sale grosso e fino, pepe, olio per cucinare e per condire, aceto, zucchero o il dolcificante preferito, tè e/o caffè, pasta, scatolame di emergenza come legumi e pomodori pelati, polvere per brodo.
  • Sistema le cose in modo da avere a portata di mano ciò che usi di più e dai loro un posto che per te è logico: per esempio la marmellata con il tè e i prodotti per la prima colazione, l’olio assieme all’aceto e ai condimenti, la pasta con il riso e gli altri cereali e così via. Non pensare che sia così scontato per tutti!
  • La lista della spesa è un grande aiuto, salvo dimenticarla a casa come accade a me, tieni il blocchetto sempre allo stesso posto e appendi la matita o la penna lì vicino per non doverla cercare ogni volta. Renditi la vita più facile!
  • Se fai scorta di ciò che consumi abitualmente, ricorda di segnare subito sulla lista della spesa quando prendi l’ultima confezione. La parola chiave è subito.
  • Lo scatolame può essere impilato, così da usare lo spazio anche in altezza, con l’accortezza di tenere sopra, più accessibile, la scadenza più vicina. A questo scopo può essere utile anche una mensola autoportante supplementare, come questa.
  • Patate, cipolle, aglio, scalogno, tuberi e bulbi non vanno conservati in frigo, meglio in basso in un cesto o in una cassettina di legno foderata con carta da cucina.
  • dispensa
    …in un cesto o in una cassettina di legno…

  • Nemmeno le banane vanno conservate in frigo, se sono acerbe riponile nella fruttiera con le mele, matureranno meglio.
  • A primavera occorre un riordino efficace della dispensa per eliminare prodotti ultra scaduti e per evitare l’infestazione di farfalline con il caldo. Per ridurre il rischio di infestazioni puoi profumare la dispensa con sacchettini di chiodi di garofano e foglie di alloro, le tarme detestano questi profumi.
dispensa
Per evitare farfalline…
  • Sempre per evitare tarme e farfalline è meglio trasferire una volta aperti pasta, legumi, cereali eccetera in vasi di vetro o contenitori ermetici, come questi ad esempio.
  • dispensa
    … conserva in contenitori ermetici…

  • In uno stipetto o in un pensile, soprattutto se angolare può essere utile un vassoio girevole come questo, o quest’altro gli inglesi lo chiamano lazy Susan, pigra Susanna.
  • Se tieni sempre i prodotti nello stesso posto, soprattutto in frigo, ti sarà più facile vedere a colpo d’occhio ciò che manca.
  • Cerca di far diventare un automatismo il sistemare ciò che hai appena comprato sempre dietro o sotto ciò che è già in dispensa. Ridurrai il rischio di far scadere i prodotti evitando così gli sprechi.
  • Ancora per evitare sprechi, aderisci alle offerte tre per due solo per ciò che consumi davvero, meglio se solo per i detersivi e simili che non hanno problemi di scadenza.

Questi sono suggerimenti generici che spero ti siano utili, se ne hai altri interessanti aggiungili nei commenti per il bene comune. Grazie fin d’ora!

dispensa
…attenzione alle offerte tre per due…

The kitchen pantry

Many years ago, if you were a girl, one of the subjects of teaching was household economy.
You learned how to property do the cleanings, how to fix a button and sew a buttonhole, how to make a hemstitch or embroider at the gigliuccio point, but you also learned effective tricks for the management of the house and the kitchen pantry.

In theory, the ideal pantry should be a room oriented to the north, naturally fresh and airy. Obviously this is a utopia for most of us, especially for those who live in apartment. The pantry is now reduced only to a food cupboard or to one of the cabinets and the fridge, but even with so little available space you can do a lot, with just a bit of organization.

I will not tell you what I learned at school, I will tell you instead what was useful for me to organize the pantry of my home, supported by the experience, of almost thirty years, of the pantry of my restaurants.

There are products that should never miss and which you should constantly restock, for example: coarse and fine salt, pepper, cooking and seasoning oil, vinegar, sugar or your favorite sweetener, tea and/or coffee, pasta, rice, canned food for emergencies such as legumes, peeled tomatoes, broth powder.

Place the things you use the most at hand and give them a place that is logical to you: for example, jam with tea and products for breakfast, oil with vinegar and seasonings, pasta with rice and other cereals and so on. It is not so obvious for everyone!

The shopping list is a great help, except if you forget it at home as it happens to me, keep the notepad always at the same place and hang the pencil or pen nearby, so you do not have to search it every time. Make your life easier!

If you stock up what you usually consume, remember to immediately mark it on the shopping list when you take the last package. The key word is immediately!

The canned food can be stacked, so as to use the space even in height, but be sure to keep the nearest deadline on top, more accessible. An additional self-supporting shelf can be useful, for this purpose.

Potatoes, garlic onions, shallots, tubers and bulbs should not be kept in the fridge, it is much better to store them on a low shelf, in a basket or in a wooden box lined with kitchen paper.

Not even bananas should be kept in the fridge, if they are green, in the fruit bowl with apples they will ripen better.

In spring an effective reorganization of the pantry is a good idea, in order to eliminate ultra-expired products and to avoid the infestation of butterflies with the heat of summer. To reduce the risk of infestation, perfume your pantry with small bags of cloves and bay leaves, the butterflies dislike these aromas.

Furthermore, to avoid moths and butterflies it is better to transfer, once opened, pasta, legumes, cereals, etc. in glass jars or airtight containers.

In a food capboard or a cabinet, especially if angular, a rotating tray can be useful, to easily reach everything.

If you always keep the products in the same place, especially in the fridge, it will be easier to see at a glance what is missing.

Try to make automatic to stock what you’ve just bought always behind or under what is already in the pantry. You will reduce the risk to let products expire, avoiding waste.

Still to avoid waste, when in your favourite store there is an offer, buy only what you really consume, even better only detergents and soaps which do not have problems of expiry.

These are just general suggestions which I hope will be useful to you.
If you have any other interesting advices add them in the comments, for the common benefit.
Thanks so far!


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.